Prime Video

Il finale spiegato del film The North Sea

the north sea finale spiegato film

The North Sea il finale spiegato del film: com’è potuto avvenire il disastro? ecco una spiegazione dettagliata del finale del film drammatico norvegese.

Il film drammatico sul disastro norvegese “The North Sea” è un film avvincente che potrà piacere per gli amanti del genere. Il film presenta una storia di un giacimento petrolifero norvegese che affronta un disastro senza precedenti e mortale. La storia porta anche al centro temi abbastanza emotivi con i personaggi. 

Il film inizia con una presentazione in stile documentaristico di un uomo anziano che pone le premesse: la scoperta in Norvegia di un grande giacimento petrolifero nel Mare del Nord e la successiva industria di estrazione del petrolio che è stata creata subito dopo.

Impazzito dagli immensi profitti che dovevano essere realizzati e anche accecato dall’incoraggiamento delle compagnie americane, il governo norvegese avvia impianti di estrazione petrolifera offshore ovunque.

La gran parte della popolazione è convinta a lavorare per queste compagnie. Ma la popolazione sottovalutava i rischi del lavoro nei giacimenti. Ma al tempo stesso i guadagni erano alti.

Attenzione seguono spoiler sul film

Tutto questo è stato piacevole fino a quando alcuni disastri hanno iniziato ad accadere.

La trama del film The North Sea

Un’operatrice di un sottomarino, Sofia, e il suo collega e buon amico Arthur si esercitano a manovrare un nuovo mini-sottomarino simile a una sonda con telecamere dappertutto, il cui scopo è monitorare qualsiasi sito di incidente o anomalia sott’acqua controllandolo dalla riva. 

Sofia è fiduciosa nelle sue capacità, e la giovane donna si è anche stabilita in uno spazio molto felice nella sua vita personale, con il suo fidanzato Stian e il suo giovane figlio Odino.

Le abilità di Sofia e Arthur vengono presto messe alla prova, però, quando vengono chiamati in una situazione di incidente di emergenza, in cui una piattaforma petrolifera è presumibilmente crollata e ha intrappolato alcuni dei lavoratori sott’acqua. 

Dopo il ritrovamento di alcuni cadaveri, si imbattono in un sopravvissuto che chiede immediatamente aiuto. Ma prima ancora che si possa pensare a qualsiasi missione di salvataggio, la piattaforma sembra perdere gas e, in pochi secondi, l’intera stazione esplode davanti agli occhi di Sofia e Arthur. 

Quando Arthur esamina un filmato del sottomarino, nota che sta accadendo qualcosa di strano, come se l’intero fondale marino si stesse muovendo e aprendo.

Presto incontrano il ministro del petrolio e dell’energia del paese, in cui viene spiegata l’intera crisi: è stata osservata un’enorme frattura naturale sul fondo del mare, vicino al sito dello scivolo Storegga, una delle più grandi frane sottomarine verificatesi circa ottomila anni fa. 

L’evento potrebbe essere stato accelerato dai livelli pericolosi dell’estrazione umana di petrolio. Questo annuncia immediatamente un disastro imminente non solo per ogni lavoratore dei giacimenti petroliferi ma per la Norvegia.

Il disastro di The North Sea – finale spiegato

Non appena le autorità e il governo si rendono conto del livello di minaccia del disastro, viene ordinato di chiudere ed evacuare al più presto tutte le piattaforme petrolifere. 

Stian era già al lavoro durante l’annuncio, e si sta preparando a volare fuori dal sito in elicottero con la sua squadra. Ma l’impianto di Gullfacks non può essere chiuso a distanza. Devono andare a chiuderlo.

Vanno in questa missione, ma le cose vanno male e si verifica un disastro: una grande spaccatura nel mare fa sì che le onde facciano pericolosamente schiantare via tutto ciò che incontra

Mentre Ronny e il suo team riescono in qualche modo a fuggire dal sito, Stian viene lasciato indietro e si vede che la piattaforma petrolifera Gullfacks perdere gli appoggi. 

Ancora riluttante ad arrendersi, Sofia guarda le riprese della telecamera dalla piattaforma petrolifera Gullfacks A prima dell’incidente. Osserva che il suo ragazzo scendere gradualmente verso la sua possibile morte. Quando improvvisamente il sistema di monitoraggio remoto mostra un portello dello scivolo di servizio che viene aperto sull’impianto.

Prendendo immediatamente questo come un segno del disperato tentativo di sopravvivenza di Stian, Sofia non perde tempo nel contattare Arthur. Gli chiede di prepararsi per una ricerca e una possibile missione di salvataggio. 

La missione di salvataggio di Stian

Lasciando Odino in ufficio, scende al porto, prepara tutti i macchinari che devono trasportare, insieme al sottomarino di sorveglianza, e poi lei e Arthur vengono portati alla piattaforma petrolifera da un elicottero. 

Mentre i due operatori lanciano il sottomarino in acqua e cercano di cercare segni di Stian, la termocamera montata nel sistema rileva un piccolo gruppo all’interno della pianta. Ci rendiamo conto che Stian sia vivo e intrappolato all’interno. 

Si precipitano nelle profondità della piattaforma, seguendo lo stesso lungo percorso che Stian ha fatto alcune ore indietro. E si ritrovano negli stessi corridoi simili a tunnel che aveva visto in precedenza, che al momento sono tutti immersi in un’oscurità inquietante. 

Cercando freneticamente l’uomo e chiamando il suo nome, Sofia trova finalmente Stian, che è leggermente ferito ma è vivo e in sé. Insieme, con l’aiuto di Arthur e Sofia, l’uomo esce dallo scivolo dove si era rifugiato, e i tre ora iniziano a camminare verso il ponte. 

Sebbene al sicuro allo scoperto, Sofia non è in grado di stabilire un contatto con il pilota che li aveva portati sul posto, che era anche la sorella di Stian.

The Burning Sea – il mare che brucia

Nel frattempo, arriva un altro evento catastrofico, ancora più terribile. Grandi quantità di petrolio si riversano sul mare. Sarebbero arrivate nella costa distruggendo tutto nel giro di un giorno o due.

L’unica opzione per evitare questo disastro, come pensato da William Lie, è bruciare immediatamente l’olio concentrato e cancellarne ogni esistenza. Anche il governo accetta di portare avanti questo piano e invia due jet militari a bombardare l’intera piattaforma petrolifera.

Ricevendo una chiamata da Stian, Ronny cerca di convincere i funzionari a interrompere l’operazione. Questo perchè c’erano ancora esseri umani sopravvissuti nell’area, ma era tutto troppo tardi. 

Mentre a Sofia, Stian e Arthur viene detto sulla piattaforma petrolifera che è impossibile inviare loro aiuto ora, vedono i jet sganciare bombe sul lontano giacimento petrolifero. 

L’intero orizzonte prende fuoco e il fuoco furioso inizia rapidamente a muoversi verso Gullfacks A.

La spiegazione del finale del film The North Sea: Sofia è finalmente in grado di salvare Stian?

Sofia escogita un piano disperato per sfuggire al disastro utilizzando le scialuppe di salvataggio disponibili sulla piattaforma. La sua idea è di riempire la scialuppa di salvataggio con acqua sufficiente per renderla pesante e affondare sotto la superficie del mare dove passerebbe il fuoco. 

Seguendo le sue istruzioni, Stian e Arthur riempiono la barca con acqua adeguata e allentano gli attacchi che la tengono attaccata al ponte della piattaforma. 

Tuttavia, quando provano a lanciare la barca in acqua, si nota che uno degli attacchi la tiene ancora stretta. Arthur si offre volontario per andare a rimuovere l’attaccamento, ma la barca verrebbe immediatamente spostata quando lo fa, il che significa che dovrebbe restare indietro. 

Il sempre fedele amico non esita un attimo a sacrificarsi per salvare i due, e chiude con calma gli occhi mentre il fuoco avvolge Gullfacks A. 

All’interno della scialuppa di salvataggio, Sofia e Stian riescono a sopravvivere al fuoco in superficie mentre si tuffano in profondità sott’acqua. Ma Stian subisce un duro colpo alla testa e sviene per l’impatto. 

Sofia non riesce a trovare alcun modo per rilasciare l’acqua e la pressione dal suo interno una volta che il fuoco è passato. 

Con l’acqua all’interno che fa affondare ancora di più la barca ora, più acqua dall’esterno inizia a entrare e Sofia quasi rinuncia al suo disperato tentativo di sopravvivere. 

Tuttavia, in un momento miracoloso, Stian si sveglia e la istruisce su come aprire la valvola di sfogo. I due si salvano.

Il finale del film The North Sea

Mentre la coppia raggiunge la superficie del mare, senza più la minaccia del fuoco, Stian chiama Ronny e lo informa della loro posizione. Le autorità salvano i due, e Sofia e Stian ora tornano eroicamente sulla riva e si riuniscono con Odino. 

Sul finale vediamo di nuovo l’intervista dell’inizio del film e ora si capisce che è William Lie che è stato intervistato dopo che l’incidente è avvenuto. Lie dice che ci è voluto quasi un anno perché il fumo dell’ustione di petrolio scomparisse completamente. 

Conclude l’intervista, e successivamente anche il film, parlando della consapevolezza della Norvegia di essere davvero una nazione più legata all’oceano piuttosto che una nazione più legata al petrolio, come avevano creduto in precedenza. 

Con questo particolare stile di apertura e chiusura, “The North Sea” dà la sensazione di essere una rivisitazione quasi reale di eventi, di un futuro molto prossimo che è destinato ad accadere presto. 

Le immagini della vita reale delle fuoriuscite di petrolio e del loro impatto tremendamente negativo sulla natura sono anche mostrate per martellare nell’idea che quando la natura si rivolterà contro gli umani, non ci sarebbe davvero nessun posto dove andare.

Playblog.it

Netflix        News        Serie TV        Film        Amine        

Apple        Android        Tecnologia        Prime Video        Offerte        Disney+

Seguici su Facebook      Twitter      Pinterest
Seguici su TelegramNetflixOfferte Amazon PrimePrime Video

POST CORRELATI

Rick e Morty incontrano The Boys nella nuova serie Diabolical

Alessio PlayBlog.it

White Flowers: un film thriller sperimentale su Amazon Prime Video

Invisible Sue un film fantasy tedesco su Amazon Prime Video

Alessio PlayBlog.it

Lascia un commento