Prime Video

Il finale spiegato della prima stagione di The Rig

the rig finale prima stagione

The Rig è una nuova serie fantascientifica horror ambientata su una piattaforma petrolifera, in questo articolo analizziamo il finale della prima stagione e cerchiamo di capire quale storia potremmo vedere in una seconda stagione.

The Rig è un nuovo thriller in sei parti su una piattaforma petrolifera avvolta da una misteriosa nebbia al largo della costa della Scozia e le terrificanti ricadute che ne conseguono.

Lo spettacolo è scritto da David Machpherson, mentre i primi tre episodi sono diretti dal regista di Line of Duty John Strickland. La star di Line of Duty Martin Compston appare nello show, insieme a Iain Glen (Game of Thrones) ed Emily Hampshire (Schitt’s Creek).

Di cosa parla la serie The Rig?

Magnus e il suo equipaggio a bordo della piattaforma petrolifera Kinloch Bravo sono di stanza al largo della costa scozzese nelle pericolose acque del Mare del Nord. Quando devono essere raccolti e tornare sulla terraferma, si diffonde una nebbia misteriosa e avvolgente.

La piattaforma viene colpita da enormi scosse e si ritrovano tagliati fuori da ogni comunicazione con la costa e il mondo esterno.

Mentre l’equipaggio si sforza di scoprire cosa sta guidando questa forza sconosciuta, un grave incidente li costringe a fare domande su chi possono veramente fidarsi.

I legami vengono spezzati, le alleanze formate e le linee di frattura generazionali esposte. L’equipaggio della Bravo sarà spinto ai limiti sia della lealtà che della resistenza, in uno scontro con forze oltre la loro immaginazione.

Il finale spiegato della prima stagione di The Rig – Cosa succede ai lavoratori di Kinloch Bravo?

Quando la nebbia si alza, i lavoratori di Kinloch Bravo sono immersi nell’oscurità. Quindi, quando quella nebbia se ne va, vengono cambiati, con alcuni dei loro numeri apparentemente posseduti da una forza invisibile, in stile Invasion of the Body-Snatchers.

Il primo a soccombere è Baz (Calvin Demba), che cade da una grande altezza e subisce ferite mortali, solo per guarire improvvisamente.

Quindi inizia a sostenere che i suoi pensieri non sono più suoi e che gli vengono mostrati luoghi e gli viene detto di fare cose. Altri subiscono ferite e poi cadono sotto lo stesso incantesimo ipnotico, provocando il caos sulla nave.

Ma Baz è la chiave di tutto questo. Ha avvertito all’inizio del secondo episodio che “sta arrivando un’onda”. E queste si rivelano parole profetiche.

Qual è la minaccia che devono affrontare i lavoratori?

L’equipaggio si chiede se la minaccia che devono affrontare sia un mostro, o i russi, o addirittura la ricaduta di un vulcano. Ma si scopre che è qualcosa di ancora più antico.

La minaccia sono le spore che agiscono come parassiti, attaccandosi a un ospite attraverso le loro ferite, riparandole. E queste spore chiedono poi all’ospite che “occupano” di eseguire i suoi ordini.

Questi “organismi” hanno centinaia di milioni di anni; batteri che sono rimasti dormienti per epoche della storia solo per svegliarsi ora e stabilire un contatto.

Le spore lo fanno tramite possessione, ma anche tramite cerchi, che usano per tracciare il passare del tempo e anche per avvertire dell’imminente evento a livello di estinzione. Come hanno già fatto in passato. A causa della loro età, i personaggi iniziano a chiamarli Gli Antenati.

Il finale spiegato della serie The Rig: Cosa vogliono gli “Antenati”?

Questa è la domanda al centro della serie di The Rig: perché gli antenati sono qui e cosa vogliono. I lavoratori sembrano sospettare fin dall’inizio, con un personaggio che afferma “Continuiamo a fare buchi nella terra, alla fine tornerà a colpire”. Mentre un altro afferma che abbiamo fottuto il pianeta e “ora ci sta fottendo”.

Diventa presto chiaro che gli Antenati sono una rete vivente, infilata in tutto il fondo del mare, che ha “memoria di ogni lotta che il pianeta abbia mai affrontato”.

Ora sembra che non siano contenti della Pictor, la società proprietaria dell’impianto, per aver estratto il petrolio dal terreno. Rendere The Rig una storia ambientale tanto quanto un horror acquatico.

La domanda quindi diventa, gli Antenati vogliono collaborare o competere? Ma questa è una domanda che non trova esattamente risposta nel finale della prima stagione di The Rig, a causa dell’ambiguità del finale.

Chi è il cattivo?

Gli Antenati inizialmente sembrano impersonare loro i cattivi della storia. Ma poi David Coakes si presenta nel quinto episodio – interpretato da Mark Addy di The Full Monty – come l’antagonista di The Rig.

Coakes è responsabile della ricerca e dell’espansione alla Pictor e vede gli Antenati come un cancro che si diffonderà e distruggerà. Vuole quindi ucciderli prima, prima che possano raggiungere acqua, cibo e persone sulla terraferma. Come dice lui, “Se c’è una minaccia, la distruggiamo”.

Ma Coakes ha anche un altro movente. Gli Antenati si sono svegliati in tutto il Mare del Nord e quando raggiungono i bacini idrici trasformano il petrolio in materia organica. Che non è quello che vuole la sua azienda.

Significa che la vera motivazione del personaggio è proteggere i giacimenti petroliferi di Pictor, e non si fermerà davanti a nulla per farlo accadere. Quindi, dove Aliens aveva Carter Burke, The Rig ha David Coakes.

Cosa succede nel finale della prima stagione di The Rig?

Nelle fasi conclusive dell’episodio finale della prima stagione – Coakes si sforza di lasciare la piattaforma, mentre il resto degli operai cerca di ragionare con gli Antenati.

L’ondata di cui Baz ha avvertito già nel secondo episodio si avvicina inesorabile; si tratta di uno tsunami che spazzerà via il posto. Gli elicotteri arrivano per evacuare l’equipaggio, ma Baz insiste per restare, dicendo che gli Antenati devono essere protetti o tutto questo ricomincerà.

Baz crede che se gli Antenati vedessero cosa possiamo dare – e fossero disposti a sacrificarsi per il loro bene – allora l’estinzione potrebbe essere evitata. Afferma “La vita rimane vita, finché possiamo farla andare avanti”, quindi entra nella luce dell’Antenato.

The Rig stagione 2: il finale in che modo imposta la seconda stagione?

Tutti gli altri, compreso Coakes, partono su un paio di elicotteri, credendo di essere diretti a casa. Quell’onda poi colpisce The Rig.

Ma Coakes ha un’altra sorpresa – non torneranno indietro – il personaggio afferma compiaciuto: “Te l’avevo detto, se volevi tornare a casa, avresti dovuto ascoltarmi”.

Gli è stato chiesto dove stanno andando, ma non c’è risposta, il finale stabilisce una nuova misteriosa destinazione, con un nuovo dramma e un nuovo orrore, se dovesse accadere la seconda stagione di The Rig.

La scena finale è dello stesso tsunami che colpisce la terraferma, quindi una seconda stagione potrebbe spostarsi dalla piattaforma petrolifera in mare aperto alla terraferma. E potrebbe svelare ulteriori dettagli su come gli eventi hanno influenzato il pianeta.

Non sappiamo poi come gli Antenati si comporteranno: competeranno con gli essere umani o collaboreranno con loro? La stagione 2 di The Rig potrebbe svilupparsi con diverse modalità, tuttavia al momento non sappiamo ancora se la serie sarà rinnovata.

Amazon Prime Video

 

Guarda subito

Playblog.it

Netflix        News        Serie TV        Film        Amine        

Apple        Android        Tecnologia        Prime Video        Offerte        Disney+

Seguici su Facebook      Twitter      Pinterest
Seguici su TelegramNetflixOfferte Amazon PrimePrime Video

POST CORRELATI

American Gods 3: la nuova stagione in streaming su Amazon Prime Video

Alessio PlayBlog.it

Destinazione Pesca – seconda stagione su Amazon Prime Video

Undone una nuova serie animata su Prime Video

Lascia un commento