Tecnologia

Il misterioso progetto “artificiale umano” di Samsung, Neon, crea un’intelligenza artificiale realistica

samsung neon ces 2020 copertina

Neon è il misterioso progetto “artificiale umano” di Samsung che crea un’intelligenza artificiale realistica incredibile. L’aspetto che impressiona è che non si sarebbe in grado di distinguere l’intelligenza artificiale dall’umano reale.

Samsung ha sviluppato avatar di intelligenza artificiale che sono praticamente indistinguibili dai veri esseri umani. Almeno questo è quello che si evince dai filmati trapelati del progetto Neon segreto dell’azienda Samsung.

Sviluppata da Samsung Technology e Advanced Research Lab negli Stati Uniti, Neon è l’ultima piattaforma di intelligenza artificiale del colosso della tecnologia sudcoreana. Da una prima vista sembra essere l’IA più umana mai creata.

Neon il progetto segreto su cui sta lavorando Samsung

La presentazione ufficiale ha avuto luogo lo scorso martedì al CES 2020 di Las Vegas. Anche se va detto che prima dell’evento è stato rilasciato un video promozionale completo all’interno del codice sorgente del sito Web Neon.

Samsung ha respinto le voci secondo cui Neon ha qualcosa a che fare con l’assistente artificiale Bixby. Infatti il progetto secondo l’azienda sarebbe totalmente diverso da qualunque cosa si sia vista finora.

Non è chiaro quale possa essere l’impiego per Samsung di questa tecnologia. Alcuni ipotizzano che potrebbe rivelarsi utile per il servizio clienti online oppure l’IA potrebbe agire come receptionist virtuale in hotel e altri stabilimenti. Potrebbe anche essere un modo di esplorare le impostazioni della realtà virtuale. In modo simile ci sono altre società tecnologiche che prevedono di utilizzare avatar realistici.

Uno degli ingegneri che hanno lavorato al progetto, Pranav Mistry, ha rivelato in vista del lancio che la tecnologia può “creare autonomamente nuove espressioni”. La tecnologia è molto versatile e permette agli avatar di creare nuovi movimenti, nuovi dialoghi. L’avatar è in grado di agire in modo completamente diverso rispetto ai dati acquisiti originalmente.

Non tutti erano convinti del realismo dell’avatar. Molti li hanno descritti come “inquietanti e deformi” altri come semplicemente “strani”.

Neon di cosa si tratta?

Alla fine si tratta di una tecnologia, chiamata anche Neon, che vede “un essere virtuale creato computazionalmente che sembra e si comporta come un vero essere umano, con la capacità di mostrare emozioni e intelligenza”.

Fondamentalmente, Neon crea chatbot video che sembrano e si comportano come persone reali. I neon non sono assistenti intelligenti, androidi, surrogati o copie di veri umani onniscienti. Non possono dirti il ​​tempo o quanti anni aveva Abraham Lincoln quando morì.

Il progetto di Samsung Neon non è il solo, anche Facebook ci sta lavorando

Nel marzo 2019, Facebook ha annunciato il suo progetto Codec Avatars,. Il progetto mira a consentire alle persone di creare versioni realistiche di se stesse utilizzando la tecnologia di acquisizione 3D.

L’idea è quella di utilizzare questi avatar nei mondi della realtà virtuale. Ciò significa che gli utenti di Facebook potrebbero connettersi con amici e familiari in un social network tridimensionale. È qualcosa che viene chiamato “presenza sociale”.

L’idea sembra venire direttamente da uno di quei film di fantascienza. Ricorda i mondi immaginari abitati nel romanzo di fantascienza Ready Player One, di cui è stato prodotto anche un film.

Facebook afferma che gli avatar aiuterebbero le “connessioni sociali nella realtà virtuale a diventare naturali e comuni come quelle del mondo reale” e potrebbero essere sperimentate usando l’hardware costruito dalla sua controllata VR Oculus.

In questo momento la vicinanza è rilevante per determinare le persone con le quali abbiamo dei rapporti.

ha dichiarato Yaser Sheikh, direttore della ricerca presso i Reality Labs di Facebook

“La vera promessa della realtà aumentata e della realtà virtuale è che ci consente di trascorrere del tempo con chiunque desideriamo e di costruire relazioni significative indipendentemente da dove vivono le persone”.

Sarà davvero questo il futuro?

Playblog.it

Apple        Android        Tecnologia        Netflix        Prime Video        Offerte

Seguici su Facebook      Twitter      Pinterest
Seguici su Telegram: Netflix, Offerte Amazon Prime, Prime Video

App Playblog

Scarica la nostra App

App Store      Google Play

Related posts

Microsoft raggiungerà 1 miliardo di dispositivi Windows 10 nel 2020

Leonardo Playblog.it

Google prova a combattere i deepfake

Leonardo Playblog.it

Scarica la nostra Nuova App per iOs e per Android

Mattia PlayBlog.it

Lascia un commento