Apple iPhone

Le prestazioni del chip A15 di iPhone 13 continuano a prevalere su Android

Le prestazioni del chip A15 di iPhone 13 continuano a prevalere su Android

Un punto di riferimento su quella che si dice sia la GPU nel chip A15 di Apple, destinato all’iPhone 13, è del 13,7% più veloce dell’A14, mantenendo il vantaggio di Apple nelle prestazioni mobili.

Secondo quanto riferito, un test di benchmark GPU Manhattan 3.1 mostra che il chip A15 di Apple ha raggiunto 198 FPS durante il primo round di test.

Tuttavia, il secondo round non è così impressionante, con un punteggio compreso tra 140 FPS e 150 FPS.

I risultati del benchmark mostrano come si è comportata la GPU A15 dopo due round di test.

I punteggi mostrano che l’A15 ha bisogno di rallentare la sua velocità dopo un po’, ma anche se si considera il calo di velocità, supera i concorrenti con un margine considerevole.

Secondo un tweet di un leaker noto come “FrontTron”, sono stati eseguiti test di benchmark su un campione dell’A15 acquisito da un lotto di luglio. I risultati sono stati discussi in un forum cinese chiamato Clien.

L’iPhone 12 ha una media di prestazioni di picco di 170,7 FPS nel test Manhattan 3.1. FrontTron afferma che il throttling non è un problema poiché “supera di gran lunga” le prestazioni di picco dell’A14, sebbene i numeri sembrino contraddire tale affermazione.

Apple dovrebbe annunciare “iPhone 13” con il processore A15 durante il suo evento di settembre. Quell’evento potrebbe aver luogo il 14 settembre, con la spedizione dell’iPhone il 24 settembre.

Playblog.it

Apple        Android        Tecnologia        Netflix        Prime Video        Offerte

Seguici su Telegram       Canale Netflix     Offerte Amazon     Prime Video
seguici anche su Facebook       Instagram       Twitter         Pinterest

POST CORRELATI

Apple inizia col botto il 2020 App Store genera un miliardo di dollari a settimana

I benchmark A15 rivelano un aumento delle prestazioni della CPU del 21% rispetto ad A14

Leonardo Playblog.it

Apple rimuove anche Google Pay da AppStore: ecco perché?

Lascia un commento