Mark AR: : sei pronto per i graffiti virtuali?

Immagina un mondo pieno di graffiti invisibili. Apri un’app, punta il telefono verso un muro e il mattone bianco o il cemento diventa una tela.

Image result for app graffito

Crea arte con spray e stencil digitali e un sistema di realtà aumentata memorizzerà permanentemente la sua posizione e il suo posizionamento, creando l’illusione della vera arte di strada.

Se gli amici o i follower dei social media hanno l’app, possono trovare il tuo dipinto su una mappa e venire a vederlo. Potresti scarabocchiare uno scherzo attraverso la porta dell’appartamento di un amico o dipingere uno splendido murale sul lato di un negozio locale.

Ora immagina un mondo più oscuro. I membri di gruppi di odio scambiano allegramente immagini di etichette razziste su monumenti dei diritti civili. Gli studenti si opprimono diffondendo voci malvagie sui muri della casa di un bersaglio. Le piccole imprese vengono assalite oltre la capacità quando un grande influencer pubblica un adesivo sulla finestra.

Gli sviluppatori di Mark AR, un’app che viene descritta come “la prima piattaforma sociale di realtà aumentata al mondo”.

Mark AR è uno dei primi progetti realizzati su Persistent Cloud Anchors di Google . L’app, creata dall’editore mobile iDreamSky e dallo sviluppatore di Subway Surfers Sybo, ha debuttato al Comic-Con di New York della scorsa settimana, dove i visitatori potevano prendere in prestito un telefono e camminare attraverso un’installazione pop-up Mark AR, visualizzando opere d’arte professionali o creandone una propria.

I creatori di Mark AR stanno pianificando più mostre pop-up e, dopo queste piccole prove, hanno in programma di testare l’app in una singola città.

“Un lancio in città sarà il luogo in cui stiamo testando: possiamo gestire la moderazione? Possiamo assicurarci che le persone stiano giocando in sicurezza? ”

Afferma Jeff Lyndon, presidente di iDreamSky. “Una volta che siamo in grado di gestire una città, sappiamo esattamente come scalare la nostra attività a un lancio nazionale”. Ma se i social network esistenti ci hanno insegnato qualcosa, è che si tratta di domande enormi, complicate – a volte persino impossibili – a cui rispondere.

Al lancio, Mark AR dovrebbe funzionare un po’ come Facebook.

Gli utenti accederanno con nomi reali, probabilmente tramite Facebook stesso. Quando creano arte, possono condividere la posizione con una sola persona, un elenco di amici e follower o i membri di un gruppo. La piattaforma ARCore di Google memorizza la posizione utilizzando il GPS e la visione computerizzata, acquisendo dettagli nell’ambiente per utilizzarli come punti di ancoraggio. Quando qualcuno condivide l’arte con te, una miniatura apparirà su una mappa; se visiti quella posizione e punti il ​​telefono verso il luogo mostrato nella miniatura, vedrai qualunque immagine abbiano creato.

Ci sono molti potenziali problemi tecnici, dal momento che gli ancoraggi cloud sono ancora molto nuovi. Ma gli argomenti sociali – come la condivisione, la privacy e gli abusi – sono più interessanti. Pokémon Go , il primo gioco AR di successo, ha sollevato la sua parte di domande inaspettate. Le persone dovrebbero essere in grado di catturare i Pokémon nel Museo dell’Olocausto? Potrebbe essere illegale posizionare un marcatore digitale sulla casa reale di una persona senza permesso? I produttori di app dovrebbero preoccuparsi che i loro utenti cadano negli stagni?

Mark AR affronta questi problemi oltre alle complicazioni della gestione di una piattaforma creativa in cui chiunque può caricare contenuti. Sono anche uno dei primi giocatori a provare a lanciare questo tipo di rete come prodotto mainstream, anche se Microsoft dovrà affrontare problemi simili con il suo gioco AR Minecraft Earth , qualcosa che la società riconosce prontamente .

I creatori di Mark AR stanno prendendo spunti da Pokémon Go .

Andranno a geofence spazi fisici come i memoriali come off-limits, per esempio. E sperano che una politica di nome reale e il modello basato sugli amici limitino le persone a creare immagini offensive o moleste. “Perché non c’è anonimato, ciò aiuta a governare ciò che la gente sta facendo”, afferma Mathias Gredal Norvig, CEO di Sybo.

Lyndon aggiunge che Mark AR dedicherà risorse per affrontare gli abusi. “Stiamo lavorando per assumere un team di moderazione umana e stiamo anche lavorando con alcune aziende tecnologiche per fornire il riconoscimento delle immagini – per fornire una sorta di apprendimento automatico moderato, per passare attraverso alcune delle immagini molto rapidamente.” È simile a l’approccio adottato dai social network più grandi e puramente online. Tuttavia, è stato difficile ridimensionarlo. L’intelligenza artificiale non può prendere sofisticate decisioni di moderazione e i team umani sono spesso sovraccarichi di lavoro e talvolta traumatizzati dalla costante visualizzazione di contenuti terribili. E sebbene iDreamSky e Sybo siano entrambe società affermate, non hanno il tipo di risorse che, per esempio, Facebook potrebbe risolvere il problema.



Playblog.it

Apple        Android        Tecnologia        Game        Netflix        Prime Video        Offerte

Seguici su FacebookTwitter



Leave A Reply

Navigate