Netflix News

The OA stagione 3: tutto quello che c’è da sapere

the oa stagione 3 netflix

The OA stagione 3: tutto quello che devi sapere sulla bizzarra serie tv prodotta da Netflix. The OA di Netflix è diverso da qualsiasi cosa tu abbia mai visto prima sullo schermo. La serie esplora tra esperienze di pre-morte, viaggio interdimensionale e nella coscienza stessa.

Tutto questo viene presentato nelle prime due stagioni che riservano immagini e colpi di scena davvero strabilianti.

Ma purtroppo le notizie sul proseguio della serie per una terza stagione non sono buone. Infatti nonostante la terza parte della storia sia stata sviluppata dai co-creatori Zal Batmanglij e Brit Marling The OA è stato cancellato da Netflix. Tra l’altro Brit Marling interpreta anche il personaggio principale della serie.

Rinnovata o cancellata la stagione 3 di The OA?

In una dichiarazione, il capo degli originali di Netflix, Cindy Holland, ha dichiarato: “Siamo incredibilmente orgogliosi dei 16 capitoli ipnotizzanti di The OA, e siamo grati a Brit e Zal per aver condiviso la loro audace visione e averlo realizzato attraverso la loro incredibile abilità artistica”.

Questo però significa che non ci sarà un seguito della stagione 2 di The OA. Ed è davvero un peccato, visto che la serie non otterrà così una vera conclusione.

Ma i tanti fans e spettatori della serie non sono stati immobili dopo la notizia. Dal momento in cui è arrivato l’annuncio che la serie fantascientifica non avrebbe avuto un seguito, i fan hanno cercato di fare il possibile per far cambiare idea a Netflix.

In appena 24 ore una campagna su GoFundMe ha raccolto oltre $ 5.000 per un pagare un affissione di un appello a Times Square a New York. Poi, un piccolo esercito di fan irriducibili si è presentato davanti agli uffici di Netflix sia nella Grande Mela che a Los Angeles. E ha ricreato la routine cosmica in cinque fasi note come “i movimenti”. E infine oltre 80.000 persone hanno firmato una petizione su Change.org chiedendone il ritorno.

Ma davvero The OA finisce senza una stagione 3?

In linea con lo spettacolo che spesso fornisce più domande che risposte, c’è una teoria secondo cui l’intera faccenda potrebbe essere solo una bufala gigante. Dopo pochi giorni dall’annuncio della cancellazione, qualcuno ha ipotizzato che che questa fosse solo una parte dell’elaborata mitologia dello show.

Per coloro che non si sono ancora completamente immersi nel mondo strano e meraviglioso della serie la sua seconda stagione si è conclusa con il personaggio titolare (Brit Marling) e il suo rapitore Hap (Jason Isaacs) che si dirigono verso una nuova dimensione. Lì, abitavano i corpi delle versioni immaginarie degli attori Marling e Isaacs, che si trovavano a recitare in uno spettacolo chiamato anche The OA.

Questo potrebbe essere un indizio importante che le cose potrebbero non essere come sembravano per la prima volta. In effetti, c’è anche una teoria secondo cui i post di Instagram di Jason Isaacs sulla cancellazione sono scritti dal personaggio di “Jason Isaacs”.

Anche la dichiarazione ufficiale del vice presidente di Netflix sui contenuti originali, Cindy Holland, sulla fine dello spettacolo potrebbe essere considerata relativamente criptica. Si legge: “Siamo incredibilmente orgogliosi dei 16 capitoli ipnotizzanti di The OA, e siamo grati a Brit e Zal per aver condiviso la loro visione audace e per averlo realizzato attraverso il loro incredibile talento artistico. Non vediamo l’ora di lavorare di nuovo con loro in futuro, in questa e forse in molte altre dimensioni”.

Una di queste dimensioni potrebbe forse riferirsi a una terza stagione di The OA? Non si sa.

Purtroppo queste ci sembrano solo teorie, ma nei mesi poi notizie sul proseguo della serie non ci sono state. Indipendentemente dal fatto che la cancellazione dell’OA sia reale o meno, Netflix ha sicuramente beneficiato di tutto questo fermento.

Ciò che il servizio di streaming potrebbe non aver preso in considerazione è che il messaggio prevalente di The OA è di non smettere mai di credere e di lottare per l’universo che desideri. Non importa quanto sia triste il panorama attuale. I fan hanno ovviamente preso a cuore quel principio perché hanno inondato il feed Twitter di ogni account Netflix con messaggi #SaveTheOA.

Indipendentemente dal fatto che Netflix ne stia prendendo nota, lo sforzo ha attirato l’attenzione di Marling e del co-creatore Zal Batmanglij .

In un lungo post su Instagram, il co-creatore e la star della serie ha scritto quanto segue. “Siamo umili, a dirla tutta, dall’esplosione del supporto per The OA. Le vostre parole e immagini ci commuovono profondamente non perché lo spettacolo debba continuare, ma perché per alcune persone la sua inattesa cancellazione fa sorgere maggiori domande sul ruolo della narrazione. E inoltre fa riflettere sul suo destino la logica del tardo capitalismo verso il consolidamento e le economie di scala”.

Comunque non è detta l’ultima parola e se ci saranno novità in merito, vi informeremo. Stay tuned!

Playblog.it

Apple        Android        Tecnologia        Netflix        Prime Video        Offerte

Seguici su Facebook      Twitter      Pinterest
Seguici su Telegram: Netflix, Offerte Amazon Prime, Prime Video

App Playblog

Scarica la nostra App

App Store      Google Play

POST CORRELATI

Tutte le novità di aprile in arrivo su Netflix

playblog.it

La serie thriller Coyotes arriva su Netflix

Alessio PlayBlog.it

Hero Mask – Anime di fantascienza

Lascia un commento