Android Tecnologia

Tinder cita in giudizio Google per la fatturazione in-app

Tinder cita in giudizio Google per la fatturazione in-app

Il colosso degli appuntamenti online Tinder di Match Group ha citato in giudizio Google, sostenendo che le sue app Android sono costrette a utilizzare il sistema di pagamento in-app del gigante della tecnologia, consentendo così a Google di estrarre royalties per tali transazioni.

Match Group possiede numerose app e siti Web di incontri popolari, tra cui Hinge, OkCupid, Tinder e PlentyOfFish.

Il problema si riduce all’enorme influenza e al controllo di Google sulla distribuzione delle app Android, nonché ai suoi requisiti per consentire le app sul Google Play Store. Secondo il deposito del tribunale federale di Match Group, oltre il 90% dei download di app Android viene gestito tramite il Google Play Store.

Pertanto, se gli sviluppatori vogliono raggiungere un numero sufficiente di utenti affinché la loro
app Android sia sostenibile, non c’è praticamente modo di inserirla nell’app store di Google.

Tuttavia, Google non consente alle app di accedere al Google Play Store a meno che non soddisfino determinati criteri. Significativamente, ciò include il requisito che gli sviluppatori utilizzino la fatturazione di Google Play per tutte le transazioni in-app, da cui Google può quindi prelevare una commissione fino al 30%. Inoltre, le app non possono indirizzare gli utenti a metodi di pagamento alternativi.

Google sostiene che solo il tre percento circa degli sviluppatori è soggetto a tali commissioni e
che la stragrande maggioranza è tenuta a pagare solo una commissione del 15 percento o meno.

La società afferma che questa maggioranza include Match Group, i cui abbonamenti digitali in-app sono soggetti a una commissione del 15%.

Anche così, il predominio schiacciante di Google ha fatto sì che Match Group lo accusa di aver violato le leggi antitrust e sulla concorrenza sleale sia a livello statale che federale.

“Google ha monopolizzato illegalmente il mercato della distribuzione di app su dispositivi Android con il suo Google Play Store… rendendolo oggi l’unica scelta praticabile per un’applicazione mobile… lo sviluppatore deve raggiungere gli utenti Android”,
ha scritto Match Group nel suo deposito.

“Ora, Google cerca di eliminare la scelta da parte dell’utente dei servizi di pagamento e di aumentare i prezzi sui consumatori estendendo il proprio dominio al mercato separato dei pagamenti in-app… processori su Android”.

Match Group chiede quindi che venga ordinato a Google di consentirgli di utilizzare il proprio sistema di fatturazione e di informare gli utenti su metodi di pagamento alternativi, oltre a consentire alle sue app di rimanere sul Google Play Store.

Da parte sua, Google afferma che i suoi requisiti e le sue commissioni sono solo il costo di fare affari.

In una dichiarazione un portavoce di Google ha accusato Match Group di cercare di evitare
di pagare per il “valore significativo” che riceve dall’utilizzo delle piattaforme offerte da Google.

“Come qualsiasi azienda, addebitiamo i nostri servizi e, come qualsiasi piattaforma responsabile, proteggiamo gli utenti da frodi e abusi nelle app”, ha affermato il portavoce.

Quando è stato contattato per un commento, Google ha indirizzato Mashable a un post del blog in cui rispondeva alla questione. In esso, Google sottolinea che i suoi servizi si estendono a qualcosa di più della semplice elaborazione dei pagamenti e che le sue tariffe coprono anche le protezioni di sicurezza e lo sviluppo della piattaforma.

“Match Group sa che Google Play fornisce strumenti e una piattaforma di distribuzione
globale che aiuta gli sviluppatori a far crescere la propria attività”, ha scritto Google.

“E Match Group lo sa perché ha utilizzato questi strumenti e la nostra piattaforma per creare un business globale di grande successo.

Vogliono accedere alla piattaforma di distribuzione globale e agli utenti di Google Play,
vogliono sfruttare ingiustamente i sostanziali investimenti di Google
nella piattaforma e vogliono tutto gratis”.

 

Playblog.it

Netflix        News        Serie TV        Film        Amine        

Apple        Android        Tecnologia        Prime Video        Offerte        Disney+

 

Seguici su Facebook      Twitter      Pinterest
Seguici su TelegramNetflixOfferte Amazon PrimePrime Video

POST CORRELATI

Galaxy X: il telefono pieghevole Samsung deve imparare da ZTE, gli errori di FlexPai

Microsoft ritiene che il PC sia la migliore piattaforma per VR e MR

Facebook sta assumendo 10.000 persone in Europa per costruire un enorme metaverso

Leonardo Playblog.it

Lascia un commento