Android Tecnologia

Trapelati i benchmark del Google Pixel 6 su Geekbench

Trapelati i benchmark del Google Pixel 6 su Geekbench

I benchmark di Google Pixel 6 sono apparsi su Geekbench in vista dell’evento Pixel della prossima settimana. E i numeri suggeriscono che il nuovo Tensor system-on-chip che alimenta il telefono di Google dovrebbe superare il Pixel dell’anno scorso mentre non è all’altezza delle migliori ammiraglie di Apple e Samsung.

Eppure, nonostante l’apparente divario di prestazioni che probabilmente vedremo tra il Pixel 6 e i telefoni alimentati dal silicio A15 Bionic di Apple o Snapdragon 888 di Qualcomm, non credo che Google stia perdendo il sonno su questi numeri. Invece, suggerisce che Google si sta rivolgendo al chipset Tensor per ragioni diverse dalle pure prestazioni.

Benchmark di Google Pixel 6: come si confronta

Prima di spiegarlo, però, tuffiamoci nei numeri, che sono stati individuati sul sito Web di Geekbench. I risultati del test Geekbench provengono da un telefono con un display da 6,4 pollici e un chipset Tensor, che corrisponde alla descrizione del Pixel 6 standard che Google dovrebbe presentare al suo evento il 19 ottobre.

Secondo il sito Geekbench, il telefono Google in questione ha registrato un punteggio single-core di 1.027 e un risultato multicore di 2.706 su Geekbench 5, che misura le prestazioni generali.

È sicuramente meglio del Pixel 5 dell’anno scorso, che funzionava con uno Snapdragon 765G, il tipo di chipset che normalmente si vede nei telefoni di fascia media e non nei dispositivi di punta. Il Pixel 5 ha registrato punteggi single e multicore rispettivamente di 596 e 1.617.

Anche se questo è certamente un miglioramento incoraggiante per il nuovo Pixel di Google, non è ancora paragonabile ai risultati di Geekbench prodotti da alcuni dei principali telefoni di punta.

Il Samsung Galaxy S21, che è alimentato da un sistema su chip Snapdragon 888, produce un punteggio single-core di 1.084 e un risultato multicore di 3.302.

I risultati sono ancora più netti con il silicio A15 Bionic nei nuovi iPhone di Apple. L’ iPhone 13 ha ottenuto un punteggio single-core di 1.684 e un multicore di 4.129, che è tra i migliori risultati che abbiamo visto nei nostri test.

Cosa dice questo sulla cpu Tensor di Pixel 6?

Ci sono ragioni per non prendere questi numeri Pixel 6 al valore nominale.

Per uno, potrebbe essere una versione pre-release del telefono di Google che non è ancora ottimizzata per le prestazioni.

Il Pixel 6 che alla fine viene spedito potrebbe comportarsi in modo molto diverso quando avremo la possibilità di testarlo. Detto questo, i numeri in questo rapporto sono simili ai punteggi Geekbench trapelati in precedenza per Pixel 6 Pro, che dovrebbe presentare lo stesso chipset Tensor.

Dovresti anche stare attento a confondere i benchmark sintetici con le prestazioni effettive. Numeri come quelli prodotti dal test Geekbench sono utili per confrontare telefoni diversi, in particolare quelli alimentati da chipset diversi. Ma le prestazioni quotidiane che noteresti quando usi effettivamente il telefono potrebbero raccontare una storia molto diversa.

C’è anche il problema dello scopo effettivo di Google per Tensor.

Sebbene le prestazioni ottimali siano certamente un obiettivo – e i numeri suggeriscono che Pixel 6 sarà abbastanza vicino ai migliori telefoni Android per la maggior parte delle persone – si ha la sensazione che Google stia passando ai propri chip Tensor per un motivo diverso.

Finora tutto il discorso di Tensor si è concentrato sui chip Tensor Processing Unit (TPU) e non sulla CPU o sulla GPU. La TPU sarà responsabile della gestione delle attività che coinvolgono l’intelligenza artificiale e l’apprendimento automatico; poiché il TPU è una parte fondamentale della pipeline di Tensor, molte attività passeranno attraverso quella parte del chipset.

Ciò dovrebbe liberare la CPU per concentrarsi sull’aumento delle prestazioni e della durata della batteria. Implicherebbe anche che Pixel 6 e Pixel 6 Pro saranno ben equipaggiati per gestire attività come l’elaborazione intelligente delle foto e i comandi vocali.

Quando Google salirà sul palco il 19 ottobre per lanciare il Pixel, non sarà sufficiente dire semplicemente che il telefono è alimentato dal silicio progettato da Google.

Google dovrà spiegare cosa significa, non solo in termini di prestazioni e architettura del chip, ma per vantaggi tangibili per i possessori di Pixel 6.

Allo stato attuale, Pixel 6 e Pixel 6 Pro si preannunciano aggiornamenti significativi per i telefoni di punta di Google.

Oltre al chipset Tensor, ci aspettiamo fotocamere aggiornate su entrambi i dispositivi; nel caso del Pixel 6 Pro, ciò significa un teleobiettivo che unisce le fotocamere grandangolari e ultragrandangolari.

Inoltre, i nuovi telefoni dovrebbero presentare batterie più grandi e una ricarica più rapida rispetto ai precedenti Pixel.

Scopriremo esattamente cosa ha pianificato Google esattamente all’evento Pixel Fall Launch di martedì prossimo.

 

Playblog.it

Netflix        News        Serie TV        Film        Amine        

Apple        Android        Tecnologia        Prime Video        Offerte        Disney+

 

Seguici su Facebook      Twitter      Pinterest
Seguici su TelegramNetflixOfferte Amazon PrimePrime Video

POST CORRELATI

AMD batte Nvidia e Intel per il processore della PlayStation 5: cosa significa per i giocatori?

Google avverte che Android 11 potrebbe causare problemi al dispositivo

Come migrare da Opera Mail a Outlook?

Alessio PlayBlog.it

Lascia un commento