Game PlayStation

Valkyrie Elysium la recensione del primo GdR d’azione della serie

Valkyrie Elysium la recensione del primo GdR d'azione della serie

Valkyrie Elysium non è sicuro del tipo di gioco che vuole essere. All’inizio, Square Enix e lo sviluppatore Soleil lo posizionano come un riavvio della serie Valkyrie, la cui ultima voce principale era Valkyrie Profile: Covenant of the Plume pubblicato negli Stati Uniti nel 2009 su Nintendo DS.

Ma Valkyrie Elysium non è in alcun modo un JRPG tradizionale.

Nel tentativo di modernizzare la serie, invece, enfatizza l’azione a tal punto, sfidandoti a purificare ondate di nemici con rapide combo di armi, che il gameplay sarà in gran parte irriconoscibile per i fan della serie Valkyrie. Si tratta ancora di Ragnarok e del reclutamento di Einherjar dalla tua parte della Valchiria. Di conseguenza, Valkyrie Elysium è un pasticcio confuso, un’avventura mediocre con una storia prevedibile, missioni ripetitive,

Odino può sembrare annoiato a volte, ma è comunque felice di darti ordini dalle comodità del suo trono.

La trama di Valkyrie Elysium inciampa fuori dalle porte celesti. La protagonista è la titolare Valchiria, creata da Odino e a cui è stato ordinato di impedire a Ragnarok di uccidere mostri e non morti a Midgard, ma la sua fede assoluta e la mancanza di emozioni umane rendono difficile connettersi con lei.

Questa non è una grande sorpresa, tuttavia, poiché i giochi precedenti della serie Valkyrie seguono lo stesso tropo e generalmente utilizzano l’Einherjar scelto per portare una prospettiva umana tanto necessaria e una fonte più radicata per la tensione drammatica. Detto questo, il tutorial ti fa provare il combattimento con alcuni Einherjar, ma vengono immediatamente strappati via una volta terminato e sei costretto a superare i primi capitoli da solo.

Correre dove gli angeli temono

Il combattimento, nonostante alcuni problemi con la precisione e la telecamera, è effettivamente la grazia salvifica del gioco. Con un doppio salto per assalti aerei e stringhe di attacco che utilizzano solo due pulsanti, simile a un gioco Musuo, la Valchiria può solitamente agganciare un nemico e finirlo senza problemi. I nemici che cercano di scappare possono essere semplicemente inseguiti con un movimento della Catena dell’Anima. A rafforzare l’arsenale ci sono un set di armi, che puoi potenziare usando materiali e diventare più efficiente nel tempo, oltre a incantesimi magici che possono far esplodere danni elementali e curarti senza interruzioni. Una volta entrati in un ritmo, le animazioni fluide, i graziosi effetti particellari e la musica piacevole rendono il combattimento facile da apprezzare.

Dopo aver sbloccato l’abilità di evocare un Einherjar, il combattimento diventa più gestibile. I primi capitoli rivelano quanto possano essere fastidiosi i gruppi di nemici poiché molti ti attaccheranno da dietro o fuori dallo schermo. Einherjar non solo distrarrà alcuni di loro, ma hanno abilità proprie e forniscono un bonus elementale ai tuoi colpi. Anche la loro potenza e i set di mosse migliorano nel tempo a seconda di quante volte li evochi e quante delle loro missioni secondarie personali completi. Scegliere l’Einherjar, gli incantesimi e le armi giusti per sfruttare le debolezze dei nemici è essenziale in ogni combattimento, compresi i boss che hanno molta salute ma rimarranno temporaneamente paralizzati dopo essere stati colpiti abbastanza volte dal loro elemento avversario.

VALKYRIE ELYSIUM | Trailer di lancio | PS5 e PS4

I riferimenti alla serie Soulsbourne sono quasi spudorati, al punto che non è tanto una lettera d’amore quanto una copia meccanica. Esplori vaste rovine di castelli con grandi porte imponenti che si aprono lentamente, incontri cancelli d’acciaio che richiedono leve per essere tirati, combatti soldati non morti che scoccano frecce da piattaforme di legno e cerchi di distruggere mostri nati da anime corrotte. E puoi distruggere barili, casse e banchi di chiese disseminati su ogni mappa. Suona familiare? Anche i pochi ascensori nel gioco sono fregature. È come se il design originale fosse iniziato come Souls prima che Soleil decidesse a metà dello sviluppo di andare in una direzione diversa, mantenendo comunque tutte le risorse ambientali.

Più o meno lineari sono anche gli aggiornamenti dell’albero delle abilità per attacco, difesa e supporto, che ti offrono diverse opzioni lungo il percorso, anche se c’è poco che ti impedisca di apprendere tutte le abilità disponibili. Se completi tutte le missioni secondarie, cosa che potresti comunque voler fare per estendere i tuoi vari metri, sbloccare il set di mosse di Einherjar e ottenere un arsenale più ampio di armi e incantesimi, guadagnerai abbastanza gemme per completare ogni nodo. Ogni abilità ha anche un costo in CP, ma sembra che il gioco abbia dimenticato o deciso di ignorare del tutto questo sistema dandoti abbastanza CP massimi per imparare tutto fin dall’inizio. Avrebbe dovuto solo essere modificato.

 

Playblog.it

Netflix        News        Serie TV        Film        Amine        

Apple        Android        Tecnologia        Prime Video        Offerte        Disney+

 

Seguici su Facebook      Twitter      Pinterest
Seguici su TelegramNetflixOfferte Amazon PrimePrime Video

POST CORRELATI

Nuove specifiche su Xbox Serie X di Microsoft

Scopriamo i giochi più attesi del 2020

Final Fantasy VII Remake INTERGRADE è disponibile su PC

playblog.it

Lascia un commento