Tecnologia

YouTube aumenterà la monetizzazione degli Shorts per competere con TikTok per davvero

YouTube aumenterà la monetizzazione degli Shorts per competere con TikTok per davvero

Nella sua battaglia in corso con TikTok per la supremazia dei video verticali, YouTube sta per giocare la sua carta più preziosa, si sta preparando ad attivare una monetizzazione aggressiva per gli Shorts, il suo formato video verticale abbreviato, e promette di aiutare milioni di creatori a fare soldi sulla piattaforma.

A partire dall’inizio del prossimo anno, Shorts farà parte del Programma partner di YouTube, il che significa che coloro che si qualificano possono iniziare a ricevere una quota del denaro pubblicitario generato in Shorts. YouTube sta inoltre rendendo più facile per i creatori che non si qualificano per il programma fare soldi con suggerimenti, abbonamenti e vendite di merchandising.

L’obiettivo è offrire opzioni di monetizzazione maggiori e migliori rispetto a TikTok e potenzialmente conquistare (e riconquistare) molti dei creatori che affollano la piattaforma rivale.

L’annuncio arriva circa 18 mesi dopo il lancio originale di Shorts e un anno dopo che il chief product officer di YouTube Neal Mohan aveva promesso un ” progetto di monetizzazione a lungo termine “.

I cortometraggi sembrano crescere rapidamente: Amjad Hanif, vicepresidente dei prodotti per i creatori di YouTube, afferma che la funzione vede 30 miliardi di visualizzazioni al giorno e 1,5 miliardi di persone le visualizzano ogni mese. I cortometraggi spesso possono ancora sembrare un clone di TikTok, tuttavia, e di certo non ha raggiunto il livello di cachet culturale di TikTok. Ma ciò che TikTok guida nella cultura, YouTube genera entrate.

Finora, YouTube ha monetizzato Shorts in piccoli modi, attraverso i fondi dei creator , gli acquisti e i suggerimenti . Sono simili ai modi in cui TikTok e Instagram monetizzano i propri video verticali e molti creatori ritengono che non siano sufficienti.

YouTube sta anche cercando di rendere più facile la monetizzazione sulla piattaforma per i creatori, in particolare quelli che non hanno ancora raggiunto l’asticella – 1.000 iscritti e 10 milioni di visualizzazioni di cortometraggi negli ultimi 90 giorni o 4.000 ore di visualizzazione a lungo termine complessive – per entrare in il suo Programma Partner. La società sta introducendo un nuovo livello attraverso il quale i creatori possono accedere a funzionalità come l’opzione di suggerimento Super Thanks e gli abbonamenti al canale a pagamento senza far parte del programma pubblicitario.

Con i tradizionali video di YouTube, ciò che Hanif chiama “YouTube longform”, il modello di annuncio è abbastanza semplice. Gli utenti fanno clic su un video, guardano un annuncio prima o durante il video e i creatori ottengono una parte delle entrate da quella visualizzazione dell’annuncio. Non c’è dubbio su chi ha generato quella visualizzazione dell’annuncio o chi riceve i soldi.

Il modello è semplice: prendi tutti i video che guardi, dividi tra loro le entrate pubblicitarie

Con un feed in rapido movimento la monetizzazione dei video verticali abbreviati su YouTube Shorts o TikTok, è molto più complicato. Se guardi un video intero, sfogliane altri tre, quindi vedi un annuncio, quindi guarda altri due video completi, quindi chiudi l’app, chi viene pagato? E se uno di quei video fosse un duetto o un remix di un altro video? E se fossero tutte sfide impostate sulla stessa canzone?

Molti di questi dettagli non sono ancora stati chiariti, motivo per cui il programma Shorts Partner non verrà lanciato fino al prossimo anno. Ma Hanif descrive il piano approssimativo in questo modo: se apri Shorts, guardi sei video, vedi due annunci e esci dall’app, YouTube prenderà le entrate pubblicitarie da quei due annunci e li dividerà tra i sei video.


YouTube afferma di aver pagato ai creatori più di $ 50 miliardi negli ultimi tre anni. Costruire Shorts in una parte significativa di ciò richiederà tempo. “Il nostro team di vendita di annunci ha lavorato con molti inserzionisti su di esso”, afferma Hanif, “e ci vorrà del tempo per costruire il business che abbiamo avuto in forma lunga”. YouTube sta anche cercando di capire esattamente come parlare con i creatori dell’utilizzo di tutti gli strumenti (longform, live, short e tutto il resto) sulla piattaforma

Ma continua a tornare sullo stesso punto: “È davvero la prima piattaforma su larga scala che condividerà le entrate con i creatori di shortform in cui possono effettivamente aspettarsi uno stipendio e guadagnare denaro”. Ci sono ancora molti dettagli da affrontare, ma YouTube scommette che lo stipendio sarà sufficiente.

 

Playblog.it

Netflix        News        Serie TV        Film        Amine        

Apple        Android        Tecnologia        Prime Video        Offerte        Disney+

 

Seguici su Facebook      Twitter      Pinterest
Seguici su TelegramNetflixOfferte Amazon PrimePrime Video

POST CORRELATI

Ecco come Google Chrome divorerà meno ram su Windows 10

Altre prove per Andromeda il Surface a doppio schermo

L’eroe Inaspettato – il film documentario su Andrés Iniesta

Lascia un commento