Netflix News

Orange is the New Black come finisce la storia delle detenute di Litchfield?

Orange is the New Black come finisce la storia delle detenute

Orange is the New Black è purtroppo arrivato alla settima e ultima stagione, ma come finisce la storia per le detenute di Litchfield?

Questo articolo segue quello su come va a finire la storia tra Alex e Piper di cui vi abbiamo scritto un po’ di giorni fa.

Qui ripercorriamo la storia e la conclusione della storia delle detenute di Orange is the New Black. La spiegazione che contiene spoiler sull’intera ultima stagione, include le dichiarazioni rilasciate da Jenji Kohan e Tara Herrmann.

Ma com’è andata a finire la storia delle detenute del carcere di Litchfield – Orange is the New Black?

Cindy Hayes (Adrienne C. Moore) e Tasha “Taystee” Jefferson (Danielle Brooks) Orange is the New Black  detenute di Litchfield

Cindy Hayes (Adrienne C. Moore) e Tasha “Taystee” Jefferson (Danielle Brooks)

Una delle tragedie più dolorose dello show è stata la triste dissoluzione della squadra di Black Girls. Era una squadra affiatata e spesso amante del divertimento. Nessuna storia è più devastante di quella della simpatica e dolce Taystee, schiacciata dall’omicidio in prigione della sua migliore amica Poussey nella quarta stagione. Da quell’evento si istiga alla rivolta carceraria che trasferisce tutti alla massima sicurezza.

Taystee si ritrova ingiustamente accusata, e alla fine condannata per aver ucciso una guardia carceraria Desi Piscatella colpita da un fuoco amico. Condannata all’ergastolo, Taystee viene tradita da una delle sue più care amiche: Cindy. L’amica è convinta a testimoniare contro di lei in cambio dell’immunità.

La settima stagione introduce lati oscuri di ogni personaggio, con Taystee sopraffatta dal dolore e dalla disperazione. Cindy piena di sensi di colpa e dolore. Sebbene Cindy venga rilasciata presto e inizi a ricostruire la sua vita con sua madre e sua figlia, tutto cade di nuovo a pezzi quando Taystee invia anonimamente alla figlia di Cindy una lettera che rivela che Cindy è la sua madre biologica. La ragazza infatti era cresciuta credendo che fossero sorelle. Dopo uno scontro, Cindy lascia la sua famiglia e finisce senza casa. Però Cindy sembra convinta nel voler ricostruire la propria vita e alla fine della stagione ha preso provvedimenti per riparare le sue relazioni interrotte con la famiglia.

Quando i produttori hanno chiamato Moore per discutere sulla storia di Cindy, l’attrice ha chiesto che la fine di Cindy non fosse così desolante come ciò che gli autori avevano inizialmente pianificato.

“Avevamo pianificato qualcosa di più oscuro”, ha detto Hermann. “Adrienne è una professionista e avrebbe fatto qualsiasi cosa le chiedessimo di fare, ma sperava in un po’ più di luce e speranza per Cindy. Sperava che Cindy si sarebbe riconciliata con sua figlia. L’abbiamo ascoltata e abbiamo deciso di apportare alcune modifiche.”

Una volta tornata a Litchfield, Taystee è senza speranza. Nella maggior parte dell’ultima stagione tenta di suicidarsi a causa del rifiuto dei suoi appelli. Solo alla fine ritrova una speranza e una motivazione quando inizia a fare da tutor alle altre detenute per farle fare un esame per ottenere il titolo di studio. E infine insegnando l’alfabetizzazione finanziaria e avviando un fondo in nome di Poussey per dare prestiti ai detenuti quando sono rilasciate.

Parte dell’arco narrativo di Taystee è ispirato a Curtis Carroll, un detenuto di San Quentin esperto nel raccogliere e scambiare titoli. Curtis ha fondato il programma di alfabetizzazione finanziaria del carcere. “Abbiamo pensato che sarebbe stato bello poterla lasciare piena di speranza, vista la sua condanna all’ergastolo, quindi è stato emozionante finire con quella storia per Taystee”, ha detto Hermann.

Viene vissuto come un sollievo, dopo molti episodi di Taystee che pensava al suicidio, arrivando al punto di cercare di impiccarsi e acquistare del veleno.

Lorna Morello (Yael Stone), Galina "Red" Reznikov (Kate Mulgrew) e Nicky Nichols (Natasha Lyonne)
Orange is the New Black  detenute di Litchfield

Lorna Morello (Yael Stone), Galina “Red” Reznikov (Kate Mulgrew) e Nicky Nichols (Natasha Lyonne)

Questo trio stretto, parte della famiglia di Red dall’inizio della serie, inizia la stagione in diversi stati di salute mentale. Nicky è sobria, fiduciosa e cerca di evitare i guai. Dopo aver partorito prematuramente suo figlio Sterling, Lorna è ossessionata dal suo fragile stato di salute e vive solo attraverso le fotografie che le invia il marito. E nonostante i migliori sforzi della sua vicina Gloria (Selenis Leyva) per stimolarla e motivarla, Red lotta a fatica in isolamento, dove è rinchiusa dopo aver cercato di strangolare Frieda (Dale Soules).

Le cose diventano più dolorose per tutti e tre dopo che Red torna tra le detenute e diventa evidente che soffre di demenza. Lei e Nicky fanno parte di un gruppo incaricato di cucinare e servire i pasti nel centro di detenzione per immigrazione nel campus.

Nel frattempo Nicky si innamora di una detenuta egiziana che viene successivamente espulsa. Dopo aver appreso da suo marito che il loro figlio è morto, Lorna si stacca dalla realtà e apre un account Instagram con foto di bambini falsi, senza mai condividere con nessuno che ha perso suo figlio.

Alla fine, Nicky viene a sapere della morte di Sterling dal marito di Lorna e cerca di aiutare la sua amica. Ma si rende conto che è troppo tardi. La serie termina con Lorna e Red, entrambi nel reparto psichiatrico della prigione “Florida”, e Nicky prende il posto di Red in cucina e diventa una nuova “mamma carceraria”.

In carcere Red è stata come una mamma per diverse detenute che sono venute a contatto con lei.

Durante vari flashback abbiamo anche appreso come Nicky aveva sicuramente dei problemi con la mamma, e poi, con alti e bassi li ha continuati ad averli con Red in prigione. Quindi Hermann & co. hanno voluto portarla alla fine ad intensificare il loro rapporto e a diventare una figura materna per le nuove ragazze.

“E per quanto riguarda la giacca da chef, le unghie curate e l’eyeliner con gli occhi da gatto? Lo adoro assolutamente”, così ha detto Hermann. “Era un piccolo cenno al capo Red.”

Ma com’è andata a finire la storia delle detenute del carcere di Litchfield – Orange is the New Black?

Nel nono episodio della stagione, “The Hidey Hole”, gli spettatori hanno appreso come Lorna ha subito la sua prima crisi psichiatrica dopo aver lanciato un sasso sul parabrezza di un’auto in arrivo. E la coppia di neo fidanzati conosciuta poco prima muore. Natasha Lyonne ha diretto quell’episodio, davvero ben riuscito. Lorna è una rubacuori, ma all’inizio abbiamo cercato di capire, data la storia di demenza di Red, come potevano finire per vivere insieme. Quindi la fine di questa storia è al tempo stesso felice che triste”.

Quella storia è stata ispirata da molte ricerche e dal fatto che purtroppo non c’è assistenza agli anziani in prigione. Le sue condizioni sono esagerate dal fatto che è stata isolata per così tanto tempo. Eravamo entusiasti di drammatizzare quella storia perché sta accadendo nelle carceri per le persone con quell’età e quella generazione.

ha dichiarato Hermann

Tiffany “Pennsatucky” Doggett (Taryn Manning) e Suzanne “Crazy Eyes” Warren (Uzo Aduba)

Tiffany “Pennsatucky” Doggett (Taryn Manning) e Suzanne “Crazy Eyes” Warren (Uzo Aduba)

Suzanne e Pennsatucky intraprendono un’amicizia insolitamente commovente in questa stagione quando diventano compagne di cella nel reparto “Florida”. Mentre Suzanne trascorre gran parte della stagione combattendo per riconciliare le sue lontane amiche Taystee e Cindy. Nella stagione si prende cura delle galline nella New Cluck City della prigione.

Pennsatucky coglie l’occasione per se stessa approfittando dei nuovi programmi educativi della prigione e si mette a studiare per dare l’esame. Quando scopre di essere dislessica – e non stupida, come le ha fatto credere suo padre – arriva Taystee a farle da tutor. Ma la sua storia di rivicita prende una delle svolte più strazianti della stagione. Quando una guardia non le concede il tempo extra per il test a cui è legalmente autorizzata a causa delle sue condizioni, Pennsatucky presume di aver fallito. Prende droghe per far fronte alla sua disperazione e finisce per morire di overdose. Gli spettatori apprendono in seguito che ha effettivamente superato il test.

Il finale si apre con un primo piano del cadavere di Pennsatucky. “Non ci piace mai uccidere nessuno dei nostri personaggi, e non succede senza pensarci troppo”, ha detto Hermann.

“Purtroppo, è uno di quei casi in cui la prigione non le ha fatto alcun favore, e mentre è riuscita a trovare persone all’interno del sistema per aiutarla a crescere, educarla e illuminarla, aveva ancora molti traumi con cui aveva a che fare. L’orecchio migliore a cui poteva rivolgersi, purtroppo, era la droga. Ovviamente eravamo tutti tristi di doverlo fare. Ma quando abbiamo avuto la conversazione, Taryn è stata in grado di separarsi e comprendere il bene più grande e la storia più grande che stavamo cercando”.

La morte di Pennsatucky serve anche a evidenziare quanto Suzanne sia cresciuta nel corso dello spettacolo. Invece di perdere il controllo che avrebbe potuto avere nelle stagioni precedenti, organizza un servizio commemorativo per la sua amica e canta il tintinnio di Mountain Dew in suo onore.

“Non so se Suzanne sia cambiata così tanto, perché penso ancora da qualche parte in fondo, se viene sfidata, avrà uno sfogo”, ha detto Hermann. “Ma penso solo che abbiamo scavato nel suo personaggio e l’abbiamo lasciata crescere. Questo doveva essere l’anno della sua adolescenza e della sua adolescenza, e penso che sia cresciuta. Ha visto il mondo in modo diverso e, come le dice Taystee, spero che continui su quella strada”.

Ma com’è andata a finire la storia delle detenute del carcere di Litchfield – Orange is the New Black?

Dayanara “Daya” Diaz (Dascha Polanco) e Aleida Diaz (Elizabeth Rodriguez)

Dayanara “Daya” Diaz (Dascha Polanco) e Aleida Diaz (Elizabeth Rodriguez)

Quando la stagione si apre, Aleida e la guardia carceraria Hopper (Hunter Emery) vivono ancora insieme e contrabbandano droghe nella prigione, con Daya come loro spacciatrice. Daya, che è stata condannata all’ergastolo per aver ucciso una guardia durante la rivolta, è diventata il capo spietato del suo blocco. Ma quando la figlia minore di Aleida viene coinvolta da un vecchio spacciatore, Aleida lo picchia e rompe la sua macchina, facendo rimandare la madre dietro le sbarre. Daya sostituisce Hopper e lo fa licenziare e recluta sua sorella minore Eva come nuovo canale per ottenere la droga. Quando Aleida lo scopre nel finale, affronta Daya e le cose si intensificano rapidamente in uno dei momenti più scioccanti dello show.

Dopo che Aleida chiama la figlia maggiore una “drogata malvagia”, Daya le chiede: “Sai com’è uccidere qualcuno?” Aleida le dà un pugno in gola e si arrampica su di lei sul pavimento e inizia a strangolarla. “Forse ora saprò com’è”, dice la madre a sua figlia. È l’ultima volta che gli spettatori le vedono.

“Daya ha sparato a una guardia e non stava male, quindi volevamo seguire quella storia e mostrare un lato diverso di come la prigione può influenzarti”, ha detto Hermann. “Puoi entrare come un innocente dagli occhi da cerbiatta e diventare una criminale incallita”.

Ma Daya è morta? “Questa è un’altra ambiguità”, ha detto Hermann con una risata. “Le persone hanno alcune teorie. Alla fine Daya sopravvive a quel pugno? È difficile da dire. Aleida si sentiva come se avesse dovuto eliminare una figlia per salvarne un’altra? Non lo so”.

Maria Ruiz (Jessica Pimentel) e Gloria Mendoza (Selenis Leyva) Orange is the New Black  detenute di Litchfield

Maria Ruiz (Jessica Pimentel) e Gloria Mendoza (Selenis Leyva)

Apparentemente queste due trascorrono l’intera stagione a curare i loro rancori post-sommossa. Il tutto era nato dalla loro voglia di rivedere presto i loro figli. Durante i disordini, Gloria aveva chiesto di poter visitare suo figlio, che stava subendo un intervento chirurgico di emergenza. Un funzionario della prigione ha accettato, a condizione che liberass le guardie tenute in ostaggio dalle detenute. Ma Maria ha ascoltato il piano e ha liberato lei stessa gli ostaggi, pensando che avrebbe potuto guadagnare dei punti per uscire prima e riabbracciare sua figlia. Gloria poi si vendicò di Maria dicendo agli agenti speciali che aveva convinto Daya a premere il grilletto e ad iniziare i disordini, con conseguente aggiunta di più tempo alla sentenza di Maria.

Ma com’è andata a finire la storia delle detenute del carcere di Litchfield – Orange is the New Black?

In questa stagione, dopo che Gloria esce dall’isolamento, si unisce alla squadra di cucina che cucina per i detenuti immigrati e, insieme a Flaca (Jackie Cruz), li aiuta a raggiungere i familiari e contattare gli avvocati nel mondo esterno. Maria, nel frattempo, lotta dentro la prigione dopo aver appreso che il suo ragazzo sta uscendo con una “nuova Maria” che sta trascorrendo molto tempo con sua figlia.

Le storie di mamme in prigione continuano a distruggermi davvero a livello personale e volevamo sicuramente assicurarci di averne raccontate alcune. Puoi difenderle entrambe per le loro azioni.

Dopo che Gloria è stata rilasciata dal carcere, gli spettatori la vedono a casa, dove trova un libro per bambini chiamato Mi Burro, Mi Burro. Nella scena successiva, Maria e la “nuova Maria” si alternano a leggere dal libro a sua figlia mentre Maria è seduta dietro la parete di vetro della prigione.

“Adoro dove è andata Maria, cercando di fare ammenda e fare del bene a sua figlia”, ha detto Hermann. “Gloria le manda quel libro alla fine, quindi c’è un po’ di un ramo d’ulivo, credo, o almeno solo un trattato di pace.”

Sophia Burset (Laverne Cox)

Sophia Burset (Laverne Cox)

Come Piper e Blanca (Laura Gomez), Sophia è rilasciata dal carcere alla fine della sesta stagione. Dopo aver minacciato di fare causa alla prigione, le offrono $ 300.000 e il rilascio anticipato per rimanere fuori dal tribunale. Sophia compie una breve apparizione nella settima stagione dell’11° episodio, “God Bless America”. Qui incontra per la prima volta Piper nell’ufficio di libertà vigilata, dove consegna il biglietto da visita al suo salone, Vanity Hair di Sophia. Più tardi, Piper va nel salone e Sophia le consiglia di passare oltre la sua relazione con Alex mentre si fa i capelli.

“Ci sarebbe piaciuto raccontare storie più grandi e più lunghe per Sophia, ma a volte ci si riduce a pianificare la disponibilità, purtroppo”, ha spiegato Hermann. “Quindi abbiamo dovuto stringere la trama. Ma volevamo fare una storia in cui abbiamo visto Piper occuparsi di come sarà la sua vita e Sophia che ha a che fare con la sua. Penso che abbiamo fatto un ottimo lavoro nel distillarlo in quella scena del parrucchiere, dove le dice che non deve più conservare il titolo di “detenuta”. E questo andava bene per Sophia. Ha funzionato per lei.”

Se volete vedere le detenute di Litchfield di Orange is the New Black come non le avete mai viste, continua qui.

Playblog.it

Apple        Android        Tecnologia        Game        Netflix        Prime Video        Offerte

Seguici su FacebookTwitter


Related posts

Rinnovata Derry Girls per una terza stagione! Quando torna?

Alessio PlayBlog.it

Stranger Things ritorna per la stagione 4 su Netflix

Roberta PlayBlog.it

Ray Donovan, Stagione 6 (ogni sabato fino al 19/1)

1 commento

Orange is the New Black come finisce la storia di Alex e Piper? - PlayBlog.it 05/10/2019 at 5:42 pm

[…] Presto pubblicheremo un articolo in cui racconteremo come si conclude la storia per le altre detenute di Litchfield. […]

Reply

Lascia un commento